2  luglio 2009

Perché il software fa schifo

di
Pubblicato in Libri

 

copertina del libro "Perché il software fa schifo".

copertina del libro "Perché il software fa schifo".


Questo libro qua accanto l’ho visto l’anno scorso in una libreria a Ferrara e mi incuriosì, anche se non lo comprai. Me lo sono ritrovato davanti un mese fa e stavolta l’ho acquistato. E’ un libro filosofico, nel quale però non mancano gli esempi di situazioni concrete. Direi metafisico (e metà pratico).

Titolo: Perché il software fa schifo (Why software sucks).

Autore: David Platt.

Editore: Mondadori informatica.

Prezzo: 18,00 € (mamma mia! ma sarà possibile che un libro costi così?! lasciamo stare…).

Codice ISBN: 978-88-6114-044-8

Dato che mi piace rovinare le sorprese e che il titolo lascia intendere poco 🙂 ecco la sintesi del contenuto: perché il software fa schifo (io l’ho messa come una domanda, il libro la mette come affermazione)? Colpa dei programmatori. Incredibile vero?

Secondo l’autore tutto è dovuto al fatto che la “cerchia” dei programmatori, persone di solito con intelligenza sopra la media (li chiama smanettoni o secchioni e ci si mette anche lui. Credo che in inglese sia giic, scritto geek, che significa geco), coscienti di questo fatto ed orgogliosi di esserlo1, raramente si calano nei panni dei futuri utenti, partendo dal presupposto (sbagliato) che essendo anche loro utenti di programmi (se non altro del sistema operativo su cui girerà il programma e dei vari kit di sviluppo, che sono software a loro volta) sanno già cosa voglia un utente da un programma.

A questo si aggiunge la tendenza al ‘miglioramento continuo‘ di quello che programmano, cosa in sé positiva ma travisata: spesso utilizzano male il tempo a disposizione per aggiungere al programma funzionalità non richieste, trascurando di fargli fare cose semplici in modo semplice, intuitivo e in modo facilmente comprensibile dall’utente2.

Poi ci si mettono la disposizione poco intuitiva dei menu, l’inutilità degli assistenti stupidi (tipo Clippy di Microsoft Word), le ‘piccolezze’ che per chi parte da zero nel mondo del computer possono creare malumore e disorientamento: ad esempio domande inutili e fuorvianti, conferme non necessarie e così via.

Altra pecca: il programmatore progetta la struttura ed il funzionamento del proprio software. Un utente non dovrebbe mai vedere come queste due cose sono fatte. L’importante è che il programma funzioni e il non dover essere costretto a pensare con la testa del programmatore. Quando si guida un’auto non si pensa da meccanico. Quando si prende un’aspirina non si pensa da medico. Quando si usa un programma non si dovrebbe pensare da programmatore.

L’autore poi parla del web, di quello che offrono i siti oggi, di cosa si salvi, cosa proprio non va e come si potrebbe migliorare…

Ci sono situazioni effettivamente difficili da risolvere, come coniugare sicurezza e riservatezza dei dati personali (o privasi, privacy) in cui bisogna capire innanzitutto quali siano i dati sensibili e poi quanto lo siano. Infine valutare le situazioni e trovare il giusto compromesso per non superare il livello delle seccature che un utente è disposto a sopportare in cambio di qualche sicurezza in più.

L’ultima causa, ma non meno importante, dei programmi scritti male sono (siamo) gli utenti, che non si fanno sentire abbastanza: spesso è difficile fare reclami, sia telefonici che per posta elettronica, dato che fra segreterie automatiche e contatti nascosti bene fra le pagine dei siti, far arrivare le proprie rimostranze a qualche azienda per un servizio offerto scadente è un vero atto di volontà. Però anche quando non è così sono pochi gli individui che oltre a gridare al software che fa schifo poi scrivono un rapportino sul perché faccia schifo, cosa manca, cosa vorrebbero…

Il libro è simpatico, scritto in un linguaggio comprensibile da chiunque. Non tratta di cose supreflue, inutili o esagerate: non va a cercare il pelo nell’uovo, ma tratta gli argomenti in modo esauriente. Ci sono molti rimandi a siti reltivi agli argomenti trattati e a quello del libro in questione. L’autore spesso è divertente, come nelle battute, nelle situazioni buffe descritte o in alcune barzellette. Ad esempio la definizione di privacy:

La visione che viene data dagli articoli si concentra sempre sull’idea che la privacy (qualsiasi cosa significhi) è una Cosa Buona, e quindi rivelare qualsiasi informazione a qualcun altro è una Cosa Cattiva, perché Loro (chiunque siano) stanno guardando proprio te, e muoiono dalla voglia di rivelare i tuoi segreti (ad esempio quando usi il filo interdentale mentre guardi Mr. Bean) in prima pagina su USA Today

–*–

1. tanto che dimostrare che il loro prodotto è “stupido” (e quindi anche chi lo ha programmato) sembra sia la cosa che li fa infuriare di più.

2. un po’ la filosofia di unix e del KISS (Keep It Simple, Stupid) ossi di mantenere il programma semplice e stupido ma che funzioni bene.

3. Gli inglesi dicono prìvasi e non pràivasi… did iù nó it (lo sapevi)?

4 Comments a “Perché il software fa schifo”

  1. Il Giustiziere ha detto:

    Se un programma è scritto male, come per qualsiasi altra cosa basterebbe non lo comprare, è il modo migliore per gli utenti di farsi sentire. A patto che non sia monopolista del mercato..

  2. PGB ha detto:

    eh eh eh! ma qua non si parla di UN software, ma DEL software…
    Comunque sei sulla buona strada, infatti quello è un modo per capire quanto il programma funzioni bene. Per ogni volta che si pianta un software, quante volte tu scrivi all’azienda che lo ha programmato? O, meglio ancora, quante volte scrivi ad un’azienda per dire “il tuo programma fa questa cosa malissimo” pur non bloccandosi?!
    Purtroppo la diffusione della Microsoft è tale che si potrebbe dire software=Microsoft… ma questo non la autorizza a sfornare schifezze (vedi Vista o Windows (im)Mobile).

  3. ConteZero ha detto:

    Premettendo che molti programmatori dovrebbero cambiare mestiere ed andare a spalare la mer.. per il solo fatto di aver scritto certi software (ad esempio Internet Explorer), anche gli utenti a volte sono veramente duri come il marmo.
    Esempio:

    Utente: clicca su ‘elimina’
    Software: sei sicuro di voler eliminare il file?
    Utente: clicca su ‘conferma cancellazione’
    Software: OK, il file è stato eliminato.
    Utente: Noo! Perché? Io in realtà non lo volevo cancellare. Non avevo capito bene. Questo software è veramente stupido!

    P.S.: l’esempio precedente non è inventato, almeno una volta al mese qualcuno mi telefona raccontando cosa gli è successo e io devo veramente fare appello alla mia ormai leggendaria pazienza per non mandarlo a cagare.

    • PGB ha detto:

      Per risponderti scroccando al libro in questione: apro il blocco note e scrivo qualcosa. Poi esco e appare il mitico messaggio: “Il testo nel file senza nome è cambiato. Salvare le modifiche?”
      Alt! Quale file, io non ho visto nessun file. Salvare cosa? Istintivamente clicco ‘NO’ e perdo tutto quello che ho fatto.
      E’ una bischerata, ma non era meglio se avesse chiesto “vuoi buttare tutto il lavoro che hai fatto finora?”
      E poi si fa un caos con ‘Annulla’ e ‘Cancella’…
      Non sarebbe meglio se invece che 28 messaggi di conferma (che poi non li leggi nemmeno più e clicchi) il computer mantenesse lo stesso in memoria i cambiamenti o il file?
      O anche il cestino: mi spieghi perché prima di spostare un file nel cestino ti chiede se lo vuoi fare davvero? Se mi dovessi pentire lo posso sempre recuperare…
      Sono inezie, ma sotto ci sta il fatto che chi programma ti ‘obbliga’ a ragionare a suo modo e ti esplicita il funzionamento del programma (di cui a me utente non me ne fregherebbe nemmeno nulla: quando guido non mi interessa se l’iniezione è elettronica o c’è il carburatore. Mi basta che la macchina vada e faccia quello che dico io).



Ultimi articoli pubblicati in Libri:

Perché il software fa schifo di PGB, 2 luglio 2009

Regala un libro di ConteZero, 12 dicembre 2008

Siamo tutti numeri primi! di Mimmo, 17 novembre 2008

Siamo tutti ciechi di ConteZero, 15 novembre 2008


Info sull'Autore

PGB

Spremiti un po' le meningi...
ho detto le meningi, non gli zebedei.
Prova ad immaginarti qualche dettaglio, qualche data, qualche interesse che potrei avere io...
ecco, vedi che alla fine ce l'hai fatta.
Comunque - non per buttarti giù - ma non ci hai capito proprio nulla.



Ultimi articoli scritti da PGB:


Perché il software fa schifo
2 July 2009 in Libri

Rifiuti e tempo buttato...
7 January 2009 in Costume e Società

Il mondo DEVE cambiare
20 November 2008 in Novità

Visualizza tutti gli articoli scritti da PGB

  • Android Apps

    • LED Quotes Android App:
      LED Quotes Android App
    • Nine & Nine Android Game:
      Nine And Nine Android Game
    • Star Cubes Android Game:
      Star Cubes Android Game
    • Star Cubes Warp Android Game:
      Star Cubes Warp Android Game

Rifiuti e tempo buttato…

di , 7 gennaio 2009

Questa bisogna proprio che la scriva, sennò me la dimentico… m’è venuta in mente in questi giorni.

Partiamo dal Natale 2008 e dintorni: pacchi, pacchetti, pacchettini, ivolucri, buste, scatole… e chi più ne ha più ne metta.

Arriviamo ai giorni … (continua)

Un romanzo in sei parole

di , 27 febbraio 2009

Tutto nasce da una scommessa, o almeno così vuole la leggenda: Ernest Hemingway scommise con un suo collega di essere in grado di scrivere un romanzo in solo sei parole. Il risultato fu “Vendesi: scarpine per neonato, mai indossate” (la … (continua)

Star Cubes Android Game

di , 30 gennaio 2016

Star Cubes è un arcade puzzle game di tipo PvP (player vs player) per Android.

Caratteristiche principali:
– grafica 3D
– sviluppato in Java usando il framework libGDX
– multipiattaforma (Android, iOS, HTML5, Desktop)
– modalità di gioco locale (player … (continua)